La TV dei Siciliani

Regionali in Sicilia, Musumeci in vantaggio per sondaggio Youtrend

22

PALERMO (ITALPRESS) – Un sondaggio YouTrend condotto tra il 23 e il 27 maggio sulla popolazione maggiorenne siciliana (813 casi) mostra un lieve vantaggio, se si votasse oggi per le elezioni regionali, di un candidato generico del centrosinistra alleato col Movimento 5 Stelle (37,5%) su un candidato generico del centrodestra (36,0%).
Tuttavia, se il candidato di centrodestra fosse il presidente uscente Nello Musumeci, quest’ultimo vincerebbe sia contro un candidato generico dell’asse giallo-rosso (40,7% vs 34,0%), sia contro i tre potenziali candidati di tale asse: il presidente uscente sarebbe infatti davanti sia a Cancelleri (45,8% vs 26,8%) che a Fava (43,3% vs 32,0%) che a Caterina Chinnici (39,7% vs 35,5%, e in questo scenario il vantaggio di Musumeci non verrebbe nemmeno scalfito se la Lega si sfilasse dalla coalizione del presidente uscente per sostenere De Luca).
Musumeci è percepito dai siciliani come più competente – ma al contempo più dipendente dai partiti- di Caterina Chinnici. Più in generale, tra Musumeci e Chinnici il 37% dei siciliani preferisce il presidente uscente, il 32% l’europarlamentare del PD e il 24% nessuno dei due (il rimanente 7% non sa o non risponde).
A livello di liste, a contendersi il primo posto sarebbero il Movimento 5 Stelle (23,6%) e una lista unica con Fratelli d’Italia e Diventerà Bellissima (23,1%).
Chiedendo un pronostico su chi vincerà ai siciliani, per il 28% rivincerà Musumeci, che del resto risulta anche essere la personalità politica di rilievo regionale più conosciuta (95%) e con la più alta percentuale di giudizi positivi (40%) da parte dei siciliani. Nonostante ciò, nel giudicare gli ultimi 5 anni dell’Amministrazione siciliana prevalgono i giudizi negativi (53%) su quelli positivi (44%).
Le principali priorità per i siciliani al momento sono lavoro (63%) e sanità (53%). Questo vale sia per gli elettori di Musumeci che di Chinnici.

– foto: ufficio stampa Regione Siciliana

(ITALPRESS).

I commenti sono chiusi.