La TV dei Siciliani

Colella “Tecnologia e digitale migliori alleati del trasporto aereo”

10

ROMA (ITALPRESS) – “Dopo due anni di pandemia i clienti tornano in aeroporto, ritornano a viaggiare, riprendono le rotte aeree, e con questa ripartenza ci sono nuovi challenge, uno di questi è la problematica del traffico e delle congestioni degli scali, da questo punto di vista la tecnologia e il digitale è il migliore alleato del settore del trasporto aereo”. Lo ha detto Sergio Colella, presidente Europa di Sita, in un’intervista all’agenzia Italpress, spiegando che il self boarding “esiste già in alcuni aeroporti, come quello di Pechino. Stiamo implementando in diversi scali in America e in Europa, lo stiamo facendo in Italia come a Roma Fiumicino. L’idea è far sì che per alcune delle tappe del trasporto, arrivando in aeroporto, facendo la carta d’imbarco, salendo sull’aereo, la propria faccia diventi la propria carta d’imbarco, quindi la biometria permetta di guadagnare tempo e rendere l’esperienza del viaggio più fluida. Questa tecnologia è pronta e molti aeroporti a livello mondiale stanno pianificando di implementarla in maniera estensiva”.
Sulla questione privacy Colella spiega che “come cittadini europei siamo protetti da regolamenti estremamente stringenti, ci sono regolamentazioni che proteggono la nostra identità biometrica e solo con il consenso dell’utente si utilizzano questi dati che poi sono distrutti a fine viaggio. Anche le mentalità sono diventate più adattate a questo tipo di tecnologia – aggiunge – perchè con gli smartphone ci siamo abituati al fatto di firmare e di utilizzare la nostra faccia per sbloccare un telefono, è la stessa tecnologia. Quando si entra in un aereo bisogna verificare l’identità e la validità della carta d’imbarco, se si fa in maniera manuale si spende il 30% in più, se si fa in maniera automatizzate a biometrica si guadagna il 30% del tempo e si crea puntualità ed efficienza”.
Colella sottolinea come sia “importante che il viaggio sia sempre più sostenibile: “Le associazioni professionali hanno preso impegni molto forti, la Iata ad esempio ha preso l’obiettivo di diventare neutra per le emissioni nel 2050. Questo si può fare con il biocherosene che farà parte dell’ecosistema di un aereo, con la tecnologia e il digitale, noi abbiano sviluppato tecnologie che permettono di ottimizzare il consumo del cherosene in ogni fase del volo”.
Infine un accordo in Francia. “L’idea è quella di far sì che i viaggi corti si facciano in treno e quelli lunghi in aereo, per il passeggero deve essere un’esperienza di viaggio unica e con la compagnia di treni francesi e una ventina di compagnie aeree, abbiamo fatto una partnership per un imbarco unico all’entrata del treno che permetta al viaggiatore di partire, ad esempio, da Bordeaux e andare fino in treno a Parigi e poi volare fino a New York, in modalità connessa e il più fluida possibile”, conclude Colella.

– foto Italpress –

(ITALPRESS).

I commenti sono chiusi.