La TV dei Siciliani

Spalletti “Dobbiamo rendere orgogliosi gli italiani”

4

SKOPJE (MACEDONIA) (ITALPRESS) – Gli infortuni di Federico Chiesa e Lorenzo Pellegrini potevano togliergli il buon umore e aumentare i livelli di ansia. Così non è stato e non sarà. Luciano Spalletti è sereno, scherza alla vigilia del suo debutto in Macedonia del Nord. A Skopje ringrazia quel presidente che “per la prima volta in carriera mi prende tutti i giocatori che volevo”. Avrà sorriso anche il numero 1 federale, Gabriele Gravina, che ha fortemente puntato sul tecnico italiano per rialzare la Nazionale dopo le dimissioni di Mancini. Il tecnico toscano ha grande entusiasmo, felice di aver lavorato per una settimana con le sue “scelte” e pronto a gustarsi le sensazioni della prima volta. “Un pò di emozione ci sarà quando sentirò l’inno, questo senza dubbio – dice in conferenza stampa a Skopje -. Sono tranquillo perchè ho a che fare con i calciatori che ho scelto io, non me li ha indicati nessuno, quindi voglio le risposte giuste dai giocatori che ho scelto. Gli infortuni di Chiesa e Pellegrini non spostano niente, non cambia assolutamente nulla”. Quel che conta è che “c’è da tenere per tutta la partita un comportamento che non ci faccia mai sentire vittime, si deve fare quello che abbiamo fatto per tutta la settimana, poi si spera sempre che il risultato sia la conseguenza, ma noi abbiamo una Nazionale forte e tutto quello che ci vuole per fare un buon calcio. Bisogna essere organizzati e a Coverciano abbiamo speso molte ore del nostro tempo per prepararci in questo senso. Dentro la corretta organizzazione, però, ci deve essere spazio per lasciare libero l’estro e l’immaginazione del giocatore forte che vede linee di passaggio che gli altri non riescono a notare, sono due cose che devono andare di pari passo. Bisogna saper leggere i momenti della partita, essere un blocco, una squadra che accetta anche di difendersi, perchè anche domani ci saranno momenti in cui dovremo essere nove giocatori dietro la linea della palla come succede anche alle grandi squadre”. Quel che davvero conta per l’uomo di Certaldo è che “avere un’idea di calcio che deve fare innamorare tutte le persone che ci vogliono bene e che hanno a cuore le sorti della nostra Nazionale. I nostri risultati non potranno essere tutti bellissimi, ma dentro dovranno esserci sempre passione e amore, le caratteristiche che devono inorgoglire tutti gli italiani”. Spalletti sa che c’è da rilanciare una Nazionale di grande prestigio ma che non va ai Mondiali dal 2014. “Abbiamo una storia alle spalle importantissima, che è bella e ha qualche ferita. Abbiamo fatto il nostro lavoro, ricevendo totale disponibilità da parte dei ragazzi. Sono stato felicissimo di come li ho visti in campo questa settimana, sono fiducioso che potranno sviluppare la loro partita e la loro qualità”. Come detto out Chiesa e Pellegrini, entrambi alle prese con un risentimento muscolare che li ha costretti al forfait: “Sono cose che dispiacciono. Non abbiamo insistito, al primo avvertimento di fastidi li abbiamo lasciati liberi. Avremmo potuto anche cercare di recuperarli per la seconda partita, ma abbiamo deciso così anche perchè abbiamo tanti altri calciatori forti come loro. Chi al posto di Chiesa? Zaccagni è più di ruolo, Raspadori lo sa fare, nel Napoli ultimamente ha giocato lì. Poi ce ne sono anche altri”. E li ha scelti tutti lui, orgoglioso e felice di averlo fatto e pronto all’esordio.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

I commenti sono chiusi.